TACCHINO AL WHISKY :——))))

 
      A bocca apertaA bocca aperta
      Oggetto: Per chi ama la buona cucina…
 
 
      Ricetta del tacchino al whisky:
 
      Acquistare un tacchino di circa 5 chili per 6 persone e una bottiglia di
      whisky; sale, pepe, olio d’oliva, lardo;
      Lardellare il tacchino, cucirlo, aggiungere sale e pepe e un filo d’olio;
      Scaldare il forno a 250 gradi per 10 minuti;
      Nell’attesa, versarsi un bicchiere di whisky;
      Mettere in forno il tacchino su un piatto di cottura;
      Versarsi due bicchieri di whisky;
      Bettere il dermosdado a 300 gradi ber 20 minuti;
      Versciarsci dre bicchieri di whisky;
      Dopo una messci’ora, aprire il forno della porta e sciorvegliare la
      bollitura del tacchetto;
      Brendere la vottiglia di vishschi e infilarscene una bella golata nel
      gargarozzo;
      Dopo un’altra bezz’ola, trascinarsci verscio il forno, spalancare quella
      merda di porta e ributtare – no, rimirare – no – insomma, mettere la
      gallina nell’altro verscio;
      Uscitionarsci la mano con la merda di porta e chiuderla – porca puttana;
      Cercare di scedersci su una merda di scedia e verscarsci un uissski
      dibikkiere – o il contrario, non scio più;
      Nuocere – no, suocere – no cuocere no, a si, cuocere l’animale ber 4 ore.
      Eh hop!, un bicchierino! Sciempre gradito;
      Levare il forno dal dacchino; Rimboccarsi un po’ di wisdky;
      Cercare di nuovo di esdrarre il pomo, perché la prima volta no ci sciamo
      riusciti;
      Raccogliere il facchino caduto sul pavimento.
      Pulirlo con uno schifo di straccio e sbatterlo su un gatto, un matto, un
      piatto. Ma chissenefrega;
      Spaccarsi la faccia a causa del grasso rimasto sul soffitto, sul pavimento
      della cugina e cercare di rialsarsi;
      Decidere che si sta meglio tutti giù per terra, ridere di pancia e finire
      la Bottiglia di rhisky; – Arrambicarsi sul letto e dorbire dudda la noche;
      Mangiare il tacchino freddo con la maionese l’indomani mattina e per il
      resto della giornata ripulire il bordello che hai fatto in cucina.
     
 
Gillo # 1
      Giullare di corte della N.obile C.ontea H.informatica.
      Lanciere del Culatello per meriti gastronomici.
      Programmatore per beffardo scherzo del destino.
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: